21/08/2018 18:18:01

IL PORTALE REGIONALE DEGLI INFORMAGIOVANI

IMPARARE... LA STRADA
prevenzione sicurezza, volontariato ed associazionismo
COS'E' L'EDUCAZIONE STRADALE

L’educazione stradale è intesa come la formazione a quell’insieme di "principi della sicurezza stradale, nonche' delle strade, della relativa segnaletica, delle norme generali per la condotta dei veicoli e delle regole di comportamento degli utenti”così come recita l’art. 230 del Codice della Strada.

I riferimenti normativi più significativi, che ne hanno anche sancito la imprescindibilità didattica ed educativa a scuola, sono:

D.LGS 285 DEL 30 APRILE 1992: Codice della Strada e successive modifiche
DECRETO 30 GIUGNO 2003: Programma dei corsi e procedure per il certificato di idoneità per la guida dei ciclomotori
LEGGE 29 LUGLIO 2010 N.120: Disposizioni in materia di sicurezza stradale e modifiche al codice della strada.

Saper stare in strada è forma e viatico per imparare le competenze di Cittadinanza, individuate dall’Unione Europea, quella roba che suona un po’ astratta ma che nel concreto significa benessere personale; esse sono

Imparare ad imparare;
Progettare;Comunicare;
Collaborare e partecipare;
Agire in modo autonomo e responsabile;
Risolvere problemi;
Individuare collegamenti e relazioni;
Acquisire ed interpretare l’informazione

TUTTO SEMPLICE?
Tutto semplice, allora, alla guida e dentro la guida? Tutto sotto controllo? Come si dice, come bere un bicchier d’acqua? Non sembra. E non è un caso che, ripercorrendo l’iter dei provvedimenti normativi già indicati, sia cresciuta negli anni l'esigenza di una vera e propria disciplina dell'educazione stradale, tanto che con l’ultimo provvedimento del 2010 si è data una centralità ancora maggiore alla scuola per orientare in merito e oggi il Miur, cioè il Ministero dell'Istruzione Università e Ricerca, a livello istituzionale è il principale catalizzatore di iniziative di sensibilizzazione, anche se ugualmente coinvolti e in primo piano rimangono il Ministero dei Trasporti e quello della Salute, promotori spesso di campagne, pubblicazioni e anche orientamenti normativi. 


INFORMIAMOCI ALLORA

 

L’educazione alla sicurezza stradale è un impegno lungo e paziente, ma anche una sfida che ha l’obiettivo di mettere i giovani, cittadini del futuro, al riparo dai rischi e dai pericoli. Lo ribadisce il MIUR - Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca che nella sua pagina dedicata raccoglie, monitora e aggiorna normative, progetti, strumenti, nazionali e locali.

Sempre sotto l’egida del Miur le Linee Guida offrono documentazione, informazione e ricerca, attraverso l’approfondimento, di temi, norme, esperienze, studi, nazionali e anche internazionali. 
Per misurarsi con le proprie conoscenze e competenze ci si potrà verificare con il patentino e con la scuola guida on line, indirizzati anche dal sito del progetto Io Studio - La carta dello studente, promosso dal Miur in risposta alle richieste degli allievi delle scuole Secondarie di II Grado, delle Consulte provinciali e delle associazioni studentesche. 
Anche il Ministero della Salute ha attiva la sua campagna di informazione e produce Adrenalina pura per giovani, utilizzando al pari giovanile smartphone, e in particolare l'iPhone di Apple, e Facebook.  

 


ED INFINE...ASCOLTIAMO!

Ecco infine alcuni progetti ed esperienze, come incentivo alla riflessione

 Icarus è un progetto che ha l'obiettivo di costruire in Europa una rete di ricercatori, educatori ed operatori di polizia per una ricerca sui comportamenti di guida dei giovani guidatori e sui principali fattori che mettono a repentaglio la sicurezza stradale. 

Young Europe è uno dei percorsi di Icarus, con autore protagonista Matteo Vicino, e attraverso prima il teatro, poi il romanzo e infine il film, promuove l'autoconsapevolezza dei giovani rispetto alle loro scelte di vita e di rischio sociale.

 La vita rimane la cosa più bella  che ho, un video realizzato, sempre all'interno del Progetto di educazione stradale Icaro Young europe, dagli studenti dell'istituto Superiore "A Moncada"

 


 

 Non ci casco è un progetto nazionale del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, realizzato in collaborazione con l’Istituto Tecnico Agrario “Emilio Sereni” di Roma, per promuovere e diffondere i temi della sicurezza tra i giovani


 

 A ruota libera è un progetto realizzato da Rai Educational in convenzione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Protagonisti della trasmissione sono gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, in un percorso che attraversa l'Italia e passa in rassegna tutte le regole del Nuovo Codice della strada


 

In ambito più locale Ci sto bene è il progetto per la promozione ambientale promosso da Ambito XX, Comune di Monte Urano e il SERD dell'Asur Marche - zona territoriale 11.