04/08/2020 03:43:58

IL PORTALE REGIONALE DEGLI INFORMAGIOVANI

Lavoro occasionale accessorio
Normativa, opportunità e orientamento

Cos’è il lavoro occasionale di tipo accessorio?

     E' una forma particolare di prestazione lavorativa finalizzata a regolamentare e tutelare le prestazioni occasionali che, essendo svolte saltuariamente, non possono essere ricondotte a contratti di lavoro.
     La retribuzione avviene attraverso 'buoni lavoro' (voucher del valore di 10, 20 e 50 euro) reperibili presso sedi INPS, uffici postali e tabaccherie autorizzate.
     Sono garantite la copertura previdenziale presso l'INPS e quella assicurativa presso l'INAIL. Con una prestazione di lavoro occasionale accessorio non si ha diritto a ricevere il sostegno del reddito dell'INPS, ma è riconosciuto ai fini del diritto alla pensione.

     Nei contratti di lavoro occasionale di tipo accessorio i soggetti che si avvalgono delle prestazioni di lavoratori occasionali sono chiamati committenti e possono essere:
famiglie; 

  • enti senza fini di lucro;
  • coloro che non sono imprenditori;
  • imprese familiari imprese agricole;
  • imprese di tutti i settori;
  • soggetti pubblici;
  • Enti locali (possono erogare i voucher anche per lavori di giardinaggio, pulizia e manutenzione)

     I soggetti che svolgono il lavoro occasionale accessorio sono i prestatori: 

  • pensionati;
  • studenti nei periodi di vacanza;
  • coloro che percepiscono prestazioni integrative o a sostegno al reddito (anni 2011 e 2012), cassintegrati, titolari di disoccupazione ordinaria, disoccupazione speciale per l'edilizia e i lavoratori in mobilità;
  • lavoratori part-time (anni 2011 e 2012);
  • altri soggetti come gli inoccupati, i titolari di disoccupazione con requisiti ridotti o con disoccupazione speciale per il settore agricolo, lavoratori dipendenti pubblici e privati;
  • prestatori extracomunitari che possono accedere ai vauchers se in possesso di un permesso di soggiorno.

     Questa forma di prestazione è limitata al rapporto diretto tra il soggetto prestatore e l'utilizzatore finale.

         Sono considerate prestazioni di lavoro occasionale accessorio, secondo la normativa vigente, le attività svolte nell’ambito:

    • dei lavori domestici;
    • dei lavori di giardinaggio, pulizia e manutenzione;
    • dell’insegnamento privato supplementare;
    • di manifestazioni sportive, culturali, di lavori di emergenza o di solidarietà;
    • in qualsiasi settore produttivo il sabato e la domenica e nei periodi di vacanza da parte dei giovani con meno di 25 anni di età;
    • di attività agricole;
    • dell’impresa familiare della vendita ambulante e della consegna porta a porta di stampa quotidiana e periodica;
    • di attività nei maneggi e nelle scuderie;
    • in qualsiasi settore produttivo da parte dei pensionati.  

    INPS- Lavoro occasionale di tipo accessorio